facebook      pinterest  email       informazioni

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Accetto le condizioni
      e i termini di Privacy

Blog della scuola 

Home Staging e gli Ampi Spazi

Share

locali spaziosi

La professionalità e la bravura di un Home Stager si notano non solo attraverso la nuova impronta estetica, che riesce a dare all'abitazione.
E' vero che questa è sicuramente la sua caratteristica principale, rendere una casa più bella e più accogliente, affinchè piaccia di più al compratore e quell'immobile si possa così vendere presto e bene, ma questo non è tutto.

Più volte abbiamo parlato di tutte le varie doti che un Home Stager deve avere e, tra esse, c'è la capacità di rendere la casa in oggetto anche più funzionale.

In questo particolare caso vogliamo parlare dell'efficienza da applicare agli spazi molto grandi, che, sovente, mal gestiti e lasciati prettamente vuoti, si rivelano alla fine inutili anche se ampi. Ci si ritrova a non ottenere determinati punti agevoli e vantaggiosi, nonostante questo possa sembrare assurdo.
Con tutto quello spazio a disposizione pare davvero impossibile non poter avere ciò che si desidera, invece, se quell'ambiente è mal organizzato, accade proprio questo. Senza rendersene conto, si va quindi a sacrificare locali dalle dimensioni più ridotte per poter così conquistare ciò che serve.

Grazie alla sua capacità, ad un occhio clinico e ad una mente che sa progettare già dal punto di vista teorico, l'Home Stager saprà riorganizzare quell'ambiente, trasformandolo in qualcosa non solo di apprezzabile alla vista, ma pratico da vivere.

E non è solo una questione di arredamento. Non si tratta soltanto di suddivisioni e mobili posizionati adeguatamente.

La trasformazione di un locale, soprattutto quando è di superficie notevole, richiede la valutazione di una perfetta luminosità e soprattutto, avendo diverse possibilità, ci si ritrova anche con più possibilità di errore.

Senza ostacoli, la mente è libera di viaggiare e questo potrebbe risultare essere un'arma a doppio taglio.

La predisposizione va studiata immedesimandosi all'interno dell'appartamento da abitare ogni giorno.

Può addirittura capitare che uno spazio molto grande e mal gestito non faccia provare al cliente il famoso "coup de foudre" apparendo vuoto, poco familiare e poco accogliente. Non innamorandosi, il possibile acquirente non comprerà l'immobile.
Ideale per raggiungere lo scopo della vendita è saper valorizzare quel locale permettendo all'acquirente di percepire le varie attività, che si possono compiere al suo interno e, perfino, le molteplici comodità delle quali potrebbe usufruire. 

Quindi punti luce, separé, mobili, archi, muretti... saranno tanti complici, che pur non rovinando né la metratura, né l'armonia della stanza, la renderanno usufruibile per varie occasioni e, in particolar modo, eviteranno di avere roba ammucchiata e stipata in altri angoli della casa scomoda e inaccessibile.

Molto spesso, si riesce ad essere più organizzati in piccoli ambienti che in quelli più vasti, perciò occorre lavorare in modo strategico.

Infine, il tocco che rinnova il make – up: non vanno tralasciati i giusti colori, i materiali più adatti ed eventualmente anche i tessuti perfetti per un ambiente completo a 360°.

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

Le Nicchie Emozionali di Sylvia Dunn

Share

Home Staging: i consigli di Sylvia Dunn

Sylvia Dunn è una nota famosa Home Stager americana e si occupa di Home Staging negli Stati Uniti.

Dunn assieme alla sua squadra, formata da home stager professionisti, impiegati amministrativi e magazzinieri, aiuta i proprietari di immobili a preparare le proprie proprietà, per essere collocate nel mercato immobiliare di oggi. E' la titolare di Home Staging Works, Inc. con sede a Spokane Valley, agenzia in grado di condurre "in contemporanea" fino a 40 attività di home staging su 40 diversi immobili, grazie al suo magazzino assai fornito in mobili, oggetti e complementi d'arredo.

Dunn collabora con molti dei più importanti agenti immobiliari americani e lavora direttamente con proprietari di case e costruttori, per aiutare le proprietà a raggiungere il loro massimo potenziale.

Ecco, qui di seguito, alcune sue importanti riflessioni, rilasciate durante un intervista.

E' opportuno intervenire in ogni stanza?

"Per una casa occupata - dice - dove stiamo svolgendo una consulenza, sì, ogni stanza. Ma per le case libere, in genere mettiamo in scena le principali aree di vita - salotto, sala da pranzo, cucina, bagni e suite master - a volte aggiungendo una stanza familiare di gioco o studio"

Qual è stata la più grande sorpresa di questa sua carriera?

"La più grande scoperta? Quanto sia gratificante!
L'aspetto creativo è meraviglioso, ma quello che ho scoperto è che amo davvero aiutare le persone. La maggior parte delle persone è sopraffatta da tutti i compiti e le decisioni, necessarie per preparare la propria casa da vendere. Quando posso essere il loro "avvocato" e aiutarli a navigare attraverso il "processo", creando liste e priorità di progetti, diventa tutto più gestibile e si rendono conto che la vendita è fattibile.
La mia telefonata preferita è quando un cliente mi chiama con entusiasmo per comunicarmi la vendita, in pochi giorni, della propria casa e per ringraziarmi per il supporto. Alcuni giorni, invece, sembrano non finire mai e sono lunghi e duri, ma fanno parte del gioco!"

Ci sono idee sbagliate o preconcetti su questo settore?

"Sfortunatamente sì – conferma Sylvia - Alcune persone pensano che lo staging sia solo per case di fascia alta. O credono che costi troppo. Ma non stanno considerando l'aspetto degli investimenti. Se una casa è commercializzata e ben organizzata, sarà venduta più velocemente e per più soldi. Una casa libera può costare $ 2.000 per ambiente, ma spesso possiamo aggiungere $ 5.000 o $ 10.000 in più del valore percepito".

Secondo Sylvia, le persone non vogliono essere "ingannate", quando entrano per la prima volta in una casa, candidata a diventare lotro. Vogliono sentirsi a proprio agio e non amano uno sguardo falso.
Sylva afferma che è importante creare "nicchie emozionali" in tutta la casa. Piuttosto che sistemare in modo asettico una sala da pranzo, suggerisce di impilare alcuni piatti con dei graziosi tovaglioli, che suggeriscono di essere pronti per una festa. O lasciare un libro con gli occhiali in cima per mostrare agli acquirenti che stavi leggendo a letto o in una sedia comoda alla finestra. Il segreto è creare spazi nella tua casa che mostrano che la stai utilizzando.

E la concorrenza?

Ha alcuni competitor, ma nessuno possiede la vasta gamma di inventario tra mobili e complementi d'arredo, che lei mette in campo per qualsiasi stile di casa. Tutto ciò le consente di intervenire su case presenti in condomini modesti, ma anche su immobili multimilionari. Ha sviluppato partnership anche con le aziende di pavimentazione e di costruzione per offrire prezzi all'ingrosso ai clienti che stanno ristrutturando. 
Acquista direttamente arredamento e décor, in modo da poter proporre sconti interessanti ai propri clienti.

La filosofia di Sylvia è cercare di andare sempre al di là delle aspettative delle persone.

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

I consigli di Margie Mokhiber

Share

Home-staging-schoolMentre il tempo cambia e ci si inoltra nella primavera, così il mercato immobiliare locale avanza, con più case in vendita e possibilità di fare business.

Se stiamo vendendo una casa, la giusta operazione di Home Staging può fare una grande differenza per aiutarci a ottenere una valutazione migliore e abbassare le tempistiche di permanenza sul mercato stesso.
L'interior designer Margie Mokhiber afferma che ci sono alcune semplici cose, che chiunque può fare, per sfruttare al meglio il proprio spazio.

"Ripulire un ambiente è la prima cosa da fare" – raccomanda Margie, durante un'intervista, - "per rendere il nostro spazio il più grande e adattabile possibile".

Mokhiber, presidente di MAM Development, Inc., è convinta che l'arredo neutro sia una base importante per qualsiasi progetto.

"La cosa bella dei colori e degli oggetti neutri è che quando le tendenze cambiano e si desidera modificare lo stile, i mobili non devono essere sostituiti e questo permette un notevole risparmio economico", ha aggiunto. Puoi cambiare cuscini o accessori e trasformare uno spazio senza spendere troppo denaro.

Con un'attenta pianificazione e, ovviamente, il buon gusto, gli accessori e l'illuminazione giusta possono davvero rivalutare al meglio uno spazio. "Sareste sorpresi di come una piccola cosa potrebbe cambiare una stanza intera", ha detto Mokhiber.

Un altro dei suggerimenti chiave è "less is more". Mokhiber dice che è necessario rimuovere tutti i mobili che rendono uno spazio piccolo e occorre anche togliere tutti gli elementi personali che possono rendere difficile per un potenziale acquirente vedere se stesso nel nuovo spazio. "Se qualcuno entra in casa e guarda le tue foto dei ragazzi e i tuoi diplomi sul muro, certamente non potrà che distrarsi", ha spiegato.

Mokhiber fa notare che home staging è vendere sogno a un potenziale acquirente. "Devi fare in modo che la gente entri in casa e dica: potrei davvero vivere qui! ", Ha detto.
Inoltre occorre che l'acquirente sia in grado di visualizzare i propri effetti personali nel "vecchio" spazio, quindi è importante non riempire l'area con le noster cose. Invece, una sistemazione accurata di alcuni articoli selezionati può realmente valorizzare uno spazio.

Fare il make up ad una casa intera può essere costoso, ma Mokhiber promette che l'investimento paga, grazie alla possibilità di vendere la casa ad un prezzo maggiore di quello che si sarebbe realizzato senza Home Staging.
"Se una casa non è sistemata correttamente, resterà sul mercato molto più a lungo di una casa in oggetto di Home Staging"- ha ammonito -"E poi il tuo agente immobiliare dirà:" Credo sia il momento di abbassare il prezzo. '"

Qualunque cosa si stia mettendo in una stanza, conclude Mokhiber, è importante essere in grado di spostare arredi e complementi per trovare il miglior design. "Lo faccio sempre. Sposto sedie intorno, cuscini, vasi." - esclama a conclusione dell'intervista.

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

Il Successo del Salone del Mobile

Share

Ancora una volta il Salone del Mobile chiude superando sè stesso.

Con quasi 350.000 persone provenienti da 165 paesi diversi, Milano è stata presa letteralmente d’assalto.

Anche il Fuorisalone ha fatto il pieno, con i suoi quasi 8.000 eventi e mostre, di cui una, quella sui 20 anni del Salone Satellite, sarà visitabile alla Fabbrica del Vapore fino al 25 aprile.

Particolare menzione merita il Salone Satellite, che anche quest’anno ha accompagnato il Salone del Mobile.

Nato nel 1998, è il primo evento ad aver dedicato spazio ed attenzione ai giovani talent scout, diventando luogo d’incontro con i principali imprenditori del settore. Molti dei prototipi proposti nelle edizioni precedenti, sono entrati a far parte del panorama del design.

Il vincitore del primo premio 2017 è andato a Pistacchi Design con lo sgabello. Comma.

01 foto


Ampio spazio è stato dedicato alle ultime novità prodotto. RIVA 1920 in particolare ha lanciato la nuova collezione in collaborazione con la casa automobilistica Lamborghini, con materiali naturali ed autentici come il legno massello di noce e la pelle.

02 foto

Tra le icone di RIVA 1920 i pezzi in Briccola, pali della Laguna di Venezia e i Kauri. Il Kauri è un tipo di conifera che vive solo in Nuova Zelanda. Sono gli alberi più grandi del mondo per cubatura del tronco, superano infatti i 70 metri di altezza e hanno un diametro che può raggiunge i nove metri.

Le dimensioni di questi tronchi permettono la realizzazione di tavoli che diventano delle vere opere d’arte, nascono dal connubio tra resina e legnami millenari.

Un esempio è Earth, che vuole essere una rappresentazione stilizzata del globo terrestre: le parti in legno rappresentano i continenti e le sezioni in resina gli oceani.

03 foto


Cassina, invece, ha festeggiato così i suoi 90 anni! Con ambienti caratterizzati dalla colorazione rosa, per affrontare il tema della rottura come occasione di cambiamento.

04 foto

 

Il Fuori Salone ci ha stupito con lo Store di Zara Home, in Corso Venezia, dove l’estrosità di Simon Costin ha colpito ancora, realizzando un’insolita scenografia denominata la

05 foto

“Grande Illusione”. Qui la collezione Zara Home ha preso vita all’interno di questo universo così magico, come in un mondo fiabesco.

Insomma ancora una volta il Salone del Mobile 2017 si conferma un evento unico a livello internazionale, fonte di idee, di ispirazione, dove non sono mancati spunti di riflessione, come la mostra di Moroso, che ha richiamato l’attenzione sul fenomeno migrazione: un’insolita creazione realizzata con i giubbotti di salvataggio raccolti sulla spiaggia di Lesbo, utilizzati come fossero blocchi di ghiaccio.

06 foto

Ha creato un igloo impermeabile e termico, idealmente pensato come rifugio per la prima accoglienza di uomini, donne e bambini in fuga dal loro Paese.

Con la Milano Design Week, il Salone e Milano, hanno quindi riconfermato la loro leadership nel mondo per quanto riguarda il design e la creatività, in un connubio tra industriale e cultura.

Un susseguirsi di scenografie anche un po’ esuberanti e stravaganti, ma in fondo a volte osare si rivela l’arma vincente … indubbia fonte d’ispirazione per gli Home Stagers che cercano l’idea creativa giusta per i loro stage settings. Quindi … buon lavoro a tutti!


Donatella Somaschini

- Donatella è Docente di Home Staging School© e Consulente Immobiliare, specializzata in Property Finding, Marketing, comunicazione ed amministrazione immobiliare e Relooking -

 

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

Home Staging, a volte bastano le idee giuste!

Share

1-intro-2

Un intervento di Home Staging non avrà mai costi esorbitanti, ma certamente un po' di budget occorrerà investirlo.

Vediamo allora alcuni interventi che possono essere eseguiti con cifre davvero contenute.

Per dimostrare che, prima di soldi e materiali, contano le idee.

Partiamo dall'esterno dell'abitazione.

Se c'è una zona verde, un prato o un giardino, servirà uno sfalcio, un bel taglio e una pulizia dalle erbacce: sovente la pulizia risolve già buona parte dei problemi delle abitazioni un po' agèè.

Le verande spesso sono un ambiente ove si accumulano oggetti non utilizzati, e talvolta anche vera e propria spazzatura. Anche qui occorre drasticamente pulire e risanare.
La prima impressione sarà così salva.

Se vogliamo aggiungere un tocco di design e armonia, basterà acquistare un tavolino con due sedie. Magari dotandole di cuscini, con una piccola mise en place.

Questo vale anche qualora di disponga di terrazzi e balconi. Meglio il tavolino con tovaglia a fiori che gli scii arrugginiti dello zio.

Se l'alloggio è una casa vacanze, sugli esterni ci si potrà sbizzarrire con elementi marinareschi e nautici e magari con una tavola da surf collocata in modo adeguato.

Veniamo agli interni.

La regola del riordinare e pulire vale anche per questi ambienti.

Interventi a budget ridotto sono sempre possibili, anche se chiaramente un minimo di investimento dà la possibilità di rifare davvero il look all'abitazione.

Se la casa da vendere è totalmente vuota, una soluzione "low cost" è mostrare al cliente dei rendering con alcune soluzioni di interior design. L'home stager aggiungerà digitalmente arredi e decor e potrà in qualche modo assecondare maggiormente le inclinazioni del cliente.

Riorganizzare mobili già presenti in una casa, disponendoli in modo diverso, è un altro modo per contenere i costi ed ottenere sovente effetti piacevoli.

Lampade e luci in genere sono un ottimo strumento low budget per rifare l'immagine di un alloggio. Illuminotecnica e accessori possono davvero fare la differenza.

Cuscini, tende e tessuti in genere rappresentano altri validi alleati.

Un'altra tendenza, di chiara origine americana, è quella del "pop-up staging": per rappresentare e arredare un ambiente si utilizzano sagome di cartone, in grado di creare una messa in scena coerente e di impatto, senza investimenti ingenti.

In tutti i casi, l'Home Staging si rivelerà essere l'unico strumento in grado di agire sulla leva marketing "prodotto", senza svenarsi o lanciarsi in ristrutturazioni.

Spazio alle idee, quindi!

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

Home Staging e Arredamento

Share

mobili

L'Home Staging si fa anche con l'arredamento anzi, soprattutto, grazie ad esso.

Un bravo Home Stager sa rendere più bella ed accogliente una casa solo grazie a giochi di luce, colori, nuove pavimentazioni, soffitti originali e infissi e pareti rinnovate in stili particolari. In tutto questo, però, i mobili sono sicuramente i complici preferiti.
Anzi, nelle classiche prove del "Prima & Dopo" è proprio l'aggiunta del mobilio la vera protagonista che trasforma il palcoscenico.

Con i mobili si può giocare, si può rappresentare lo stile che si vuole conferire all'abitazione e, in particolare, attraverso i vari materiali dei quali sono composti, si può infondere all'interno dell'immobile l'atmosfera più adatta.

Molte volte è possibile ottenere l'effetto desiderato, spendendo pochissimo, grazie al riuso e al rinnovo degli stessi mobili.
Il riciclo creativo, accompagnato a idee low cost, saprà sorprendere grazie alla creatività e a tecniche di "restyling", appositamente studiate per donare nuova vita al pezzo o al complemento d'arredo.

E' così che una dimora potrà apparire umile ma confortevole, nobile e raffinata, elegante e chic, calda e colorata.

Il mobile, molto spesso, richiede l'affiancamento di ulteriori materiali e, prevalentemente, si parla di tessuti: poltrone, sedie, letti, tavoli e divani richiedono coperture che arredano da sole. Grazie alle stoffe e alle tinte, diverse tra loro, è possibile infatti creare scenari incantevoli che occorre assolutamente mostrare.

Un letto pertanto dovrà essere concepito ordinatamente con lenzuola, coperte e cuscini così come un tavolo che, con una tovaglia sopra e un centrotavola, cambia sicuramente la sua immagine rendendola più affascinante. Tutte accortezze che "sanno di casa" e fanno innamorare l'acquirente a prima vista.

La posizione dei mobili e il loro numero sono fondamentali.
La stanza non dovrà apparire sovraffollata e nemmeno troppo vuota, a regalare il senso della mancanza e della non curanza. I mobili principali e di grandi dimensioni dovranno essere posizionati nei giusti luoghi, per rendere il locale comodo e accessibile e non sprecare spazio prezioso.
Un buon Home Stager deve avere occhio anche per questo!

Saranno sicuramente apprezzate le idee originali, ma attenzione a non cadere nella scomodità per troppo egocentrismo. Avremo porte e finestre che ci ostacoleranno e si dovrà trovare quindi la soluzione migliore.

Quella casa verrà vissuta ogni giorno e non solo ammirata.

I mobili importanti inoltre spesso possono scurire l'ambiente e questo piace sempre poco. La luce, soprattutto quella naturale del sole, è molto apprezzata e non deve essere impedita dall'arredamento. In alcuni casi infatti è consigliabile scegliere mobili dalle dimensioni più ridotte, prevalentemente quando si deve  svolgere un'attività di Home Stanging in immobili di "vecchio stampo", composti da molte stanze, ma piccole. In questo caso è preferibile buttare giù qualche parete ove è possibile. Oggi si prediligono gli spazi ampi e luminosi mentre un tempo avendo una prole molto più numerosa di adesso occorrevano tanti locali.

Le esigenze cambiano e cambiano anche gli stili. Bisogna stare al passo con i tempi e un Home Stager deve mantenersi sempre aggiornato. Anche per quel che riguarda il posizionamento dei mobili, che può apparire una semplice operazione ma che così semplice non è.

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

La 56a Edizione del Salone del Mobile

Share

salone-mobile 1200

Siamo ormai ai nastri di partenza con la 56 edizione del Salone del Mobile!

Dal 4 al 9 aprile 2017, alla Fiera Milano Rho, si apre la manifestazione per eccellenza, che ancora una volta vede il design italiano al centro dell’attenzione mondiale.

Il Salone è una preziosa fonte d’ispirazione per tutti gli Home Stagers, che qui possono toccare con mano la creatività italiana, ma soprattutto trovare preziosi spunti negli stage settings e negli allestimenti.

Fonte di novità, idee da “copiare” e reinventare, magari con materiali di riciclo, con tessuti di recupero, ma cosa importante rielaborati con creatività e fantasia, elementi essenziali del nostro lavoro.

Accanto al Salone si svolgeranno, in piena sinergia, il Salone del Complemento d’Arredo e le biennali Euroluce e Workplace3.0.
AIRBNB si presenta invece come partner per l’accoglienza e l’ospitalità, con soluzioni mirate per un soggiorno a portata di click.
Ancora una volta il settore delle attività ricettive si mette in gioco, per rispondere alle nuove esigenze del mercato in termini di accoglienza e comfort, mettendo in campo tecniche di marketing emozionale e sensoriale.

Perché il Salone del Mobile come fonte di ispirazione?

Vedetelo come un "percorso nel vivere quotidiano", sia visivo che sensoriale, con idee nuove per progettare e concepire lo spazio domestico e non.
L’abitare contemporaneo verrà espresso attraverso l’uso, a volte poetico a volte giocoso, della luce e del colore.
Luce e colore verranno usati come elementi teatrali, per creare ambienti, spazi e suggerire atmosfere.
E poi tante ambientazioni diverse, tanti diversi oggetti d’arredo, selezionati per raccontare il design contemporaneo ed a volte trasformati in pezzi unici, grazie ad accostamenti inediti di materiali, tessuti, trattamenti e colori.

Il colore sarà un forte elemento focale, come anche la musica, esempi di una nuova libertà di espressione.

Se ci pensate, in realtà tutto questo è anche HOME STAGING!

Fatevi coinvolgere anche dagli eventi del Fuori Salone, con i suoi 885 eventi che
animeranno il centro di Milano.

Spero che questa panoramica vi abbia incuriositi e vi auguriamo…

Buon Salone a tutti!

Donatella Somaschini

- Donatella è Docente di Home Staging School© e Consulente Immobiliare, specializzata in Property Finding, Marketing, comunicazione ed amministrazione immobiliare e Relooking -

 

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

Home Staging "anni Cinquanta"

Share

cucina-anni-50

Tornano di moda gli anni ’50 nell’arredamento! Chiaramente rivisitati.

Questo è certamente uno spunto importante, anche per gli Home Stager.

Approfondiamo il tema.

Gli elementi retrò sembrano essere di un nuovo in auge: linee curve, spigoli dichiarati. Ovviamente rivisti con tecnologie e confort dei giorni nostri.

Osserviamo le poltrone: hanno imbottiture che fanno pensare ai favolosi anni Cinquanta, ma i tessuti sono “soft touch”, antimacchia ed estremamente elastici.

Anche il “poggia piede” non è un’idea che arriva dal futuro, così come la presenza di un tavolino davanti alle poltrone.

Le cucine utilizzano sempre meno l’elemento legno, virando su colori opachi e naturali, tinte pastello, verde, azzurro.

Il risparmio energetico domina nella scelta degli elettrodomestici.

Tavoli trasparenti e allungabili.

Sensori ai rubinetti.

In camera, è trendy oggi il “letto a scrigno”, con il pratico cassetto contenente suppellettili.

L’armadio? Bandito, e al suo posto, per chi può, via libera alla cabina armadio.

Anche il divano letto ha un nuovo momento di gloria, mentre i divani tout court mostrano nuovamente le “gambe”.

Sulle pareti, ecco fare la propria ricomparsa la carta da parati, che certamente consente di giocare con colori e forme.

Sul fronte delle luci, sono i LED a illuminare gli ambienti, ma la loro forma ricorda quello delle care vecchie lampadine.

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©