facebook      pinterest  email       informazioni

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Accetto le condizioni
      e i termini di Privacy

Blog della scuola 

Il sogno di Oscar Mendez

Share

Oscar Mendez

L'architetto Oscar Mendez è un professionista davvero particolare al quale vogliamo dedicare un articolo, perché, oltre ad essere un bravo progettista e costruttore, ha ideato un qualcosa di davvero utile sia dal punto di vista edile, sia ecologico, ma soprattutto sociale.

Oscar Mendez, infatti, ha avuto un sogno e lo ha realizzato. Un sogno che parla di riciclo, di aiutare chi ha bisogno e parla anche di "casa". Un sogno incredibile, ispirato anche dall'amico musicista e artista Fernando Llanos.

Usando plastica riciclata, con la quale nella sua Azienda - Conceptos Plasticos - di cui Mendez è Amministratore Delegato, crea mattoni componibili, è riuscito a regalare abitazioni comode e belle ai senzatetto della sua città, in Colombia, e in altre parti del mondo.
Ben sedicimila abitazioni sono state costruite finora utilizzando ben trecento tonnellate di plastica riutilizzata e proveniente da diversi materiali: pneumatici, bottiglie, complementi d'arredo e oggetti di uso quotidiano.

Case ovviamente a bassissimo costo, ma dignitose ed esclusivamente a impatto zero nei confronti dell'ambiente circostante e che, sembra incredibile, si possono costruire in soli cinque giorni.

I mattoni, come dei parallelepipedi rettangolari di diverse misure, hanno degli incastri ai lati, che permettono un montaggio comodo e sicuro, grazie ad una sorta di ancoraggio, che si può rassomigliare alla tecnica dei famosi giochi della Lego.

Un oggetto di plastica impiega più di cinquecento anni a biodegradarsi e, conoscendo questa cifra, si capisce immediatamente quanto sia importante il lavoro di Mendez in questi paesi in via di sviluppo.

Tra le qualità positive di questo progetto c'è anche la parte, da non sottovalutare, inerente all'aver dato e al dare lavoro a molte persone. Infatti molte persone hanno trovato un impiego non solo per costruire gli alloggi in sé, ma anche per completarli con infissi, impianti di vario genere e tutte le necessità di cui una casa ha bisogno.

Parliamo di questa meravigliosa idea nel nostro blog di Home Staging School per far capire come spesso, anche a basso costo e facendo del bene all'ambiente, si possono ottenere costruzioni e soluzioni davvero graziose, che piacciono e che si rendono molto più utili e gradevoli anche con poco. Risultano soluzioni congeniali al posto di lasciar andare un'abitazione a sé stessa, mostrandola poi fatiscente e decadente, come purtroppo ancora troppo spesso accade.

I green jobs, perché così si possono chiamare, e la green economy in generale, hanno creato tante vie d'uscita, tante possibilità in questo periodo. Opportunità che permettono di aprire nuovi scenari lavorativi in tantissimi settori, tra i quali appunto l'Edilizia e il Mercato Immobiliare.

Una particolare sensibilità degli ultimi anni, verso il rispetto per il nostro pianeta, un sempre più vivido desiderio di ritorno al naturale, uno spirito sempre più ecologico e al contempo una necessità di costi sostenbili, denotano un connubio fantastico, adatto anche all'arte dell'Home Staging, assolutamente da utilizzare.

Possiamo dire che Home Staging, ecologia ed economia compongono un sensazionale "matrimonio a tre".

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

Abbellire casa e renderla ospitale con i Fiori

Share

fioriDecorare la propria casa, renderla ospitale, graziosa, darle quel tocco di serena quiete e piacevolezza non è difficile, l'aiuto costante, in ogni tempo e luogo, da sempre ci viene dai fiori.

In questo periodo la bella stagione ci corre incontro e ci offre straordinarie tinte e piacevoli profumi. E' incredibile come una composizione floreale, grande o piccola, rampicante, pendente o anche solo appoggiata su un ripiano, riesca a cambiare notevolmente l'aspetto della stanza.

Un soggiorno luminoso diviene sicuramente più attraente se delle bocce di vetro, appese nei punti strategici, dove più rimbalza la luce, attirano lo sguardo con le composizioni che contengono. Ideale sarebbe poter adornare tale bocce con ghiaino colorato o pietre naturali, dalle quali farebbero, poi, capolino fiorellini di campo. I fiori di campo son elementi naturali e in più a costo zero, in quanto basta raccoglierli nel primo spazio verde vicino a casa.
Ogni settimana potremmo cambiare le caratteristiche della stanza, rimanendo su un tema monocromatico, oppure spaziare su vari colori intonati, che si esibiranno giocando con i raggi del sole e concedendo all'ambiente parte del loro fulgore.

Per gli interni sono sorpassati i vecchi vasi in terracotta, meglio il riciclo di vasetti di vetro, ciotole in porcellana, cestini di vimini, anche dipinti, vecchie pentole in disuso, anche in alluminio, barattoli di latta.
Insommma qualsiasi contenitore posato qui e là, in camera da letto, sul piccolo scaffale del bagno o sull'angoliera della cucina, può diventare un oggetto ambito e apprezzato se ospita una piantina o un mazzolino di fiori con minuterie trovate durante una passeggiata, come rametti secchi, foglie, conchiglie, pietre di mare.

Bomboniere che abbiamo in casa da tempo immemore, diventano decori per la cucina, ospitando piantine grasse che non hanno bisogno di essere spesso annaffiate. Incolliamoci un piccolo magnete su un lato e applichiamoli alla porta del frigorifero, daranno alla cucina un tocco originale.

Bicchierini spaiati, nastri e ombrellini da aperitivo possono servirci per creare motivi floreali, aiutati dalla nostra fantasia e posizionati negli angoli anche più assurdi, visibili soltanto quando si apre un'antina o quando la tenda si sposta mossa dal vento. Sarà allora che stuzzicheranno maggiormente la curiosità.

Anche la terrazza può variare il proprio aspetto solo con piccoli interventi. Ad esempio cambiando le fodere dei cuscini o fasciando le sedie con drappi legati dietro lo schienale.
Facciamo attenzione ad abbinare bene i colori e poi, volendo lasciare spazio agibile, invece di posizionare vasi sul pavimento, appendiamo, con i chiodini, pezzi di fil di ferro alle pareti. Serviranno per trattenere barattoli, bottiglie, gabbiette, vasetti dello yogurt, che avremo colorato a nostro piacimento e riempito di ogni varietà di fiori. Il terrazzo rinascerà a nuova vita.

Per chi possiede un giardino, potrebbe apparire meno necessario adornare ulteriormente, vista già la presenza di una zona verde. L'entrata di una casa, però, non deve mai essere trascurata: qualche vaso ai lati o cesti appesi con cascate di piante pendenti come gerani, petunie, edere e glicini, o una vecchia scala di legno con un piccolo vaso su ogni scalino, daranno senz'altro una caratteristica attraente e lusinghiera alla vostra casa.

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

Il Collage, le Piastrelle e l'Home Staging

Share

2pastorelli-shade-carpet-piastrelleesagonali

Scegliere le piastrelle per rivestire una stanza della nostra casa non è facile! Le proposte sono innumerevoli per stile, forma, colori e materiale.

Solitamente si punta più sulla resistenza e la facile pulizia, ma il rivestimento ci deve anche piacere e deve rendere un'ottima combinazione cromatica con il pavimento, la luce di cui la stanza gode, l'altezza dei soffitti e tutti gli annessi e connessi relativi al locale.

Tra le varie possibilità che ci offre il mercato, ce n'è una che è ancora limitatamente considerata, o almeno di uso ridotto nel nostro Paese, molto diffusa invece in America e nel Regno Unito, ed è la piastrellina.

Le piccole mattonelle 10x10 permettono di realizzare brillanti creazioni, solitamente dovute alla fantasia dell'operatore, ai suoi accostamenti, alla sua impronta artistica.

C'è chi afferma che le piastrelle piccole ingrandiscano i locali e chi afferma l'opposto.
In verità ciò che traspare maggiormente è che la piastrella grande si avvicina ad uno stile più attuale e sobrio, mentre la piastrella piccola produce più la sensazione del rustico e popolare. Ma anche questo si distanzia ormai dalla realtà, perché in commercio si trovano anche piastrelle di grande formato con decori di scannellature che imitano mosaici eleganti e raffinati.

C'è il rischio che la scelta delle mattonelline risulti più costosa, sia per il materiale, che può essere gres, vetro, resina o altro, sia per la messa in posa più minuziosa che richiede un tempo più lungo.
Anche a questo problema però c'è una soluzione! Certamente deve piacere, ma il risultato è davvero ottimale, di grande impatto e, se scelto con cura, adattabile a qualsiasi tipologia di locale, si tratta del collage. 
Il collage è una tecnica effettuabile con scarti di piastrelle, anche dismesse, che con un minimo di informazione sull'uso della colla e del posizionamento, chiunque, con un po' di passione e un po' di tempo, può affrontare.

Avete mai visto i tavolini da giardino in ferro battuto con il piano in mosaico? Ebbene la tecnica è più o meno la stessa. E' possibile creare disegni, cornici, panorami, nature morte e quant'altro. Nel caso fosse troppo difficile, si può procedere con l'accostamento di pezzi di piastrelle disuguali, associando i colori che più si adattano all'ambiente.

Ad esempio, il rivestimento di un bagno con pavimento sulla tonalità dell'azzurro, potrebbe essere composto da parti di piastrelle blu mare, altri piccoli frammenti celesti ed altri bianchi, che posati con cognizione, ricorderanno un mare spumoso.

Se decidiamo di rivestire l'isola della cucina moderna, con pavimento chiaro, mobili minimal, sedie in plexiglass e lampadari in vetro, potrebbe risultare brioso realizzarlo con frammenti di tante tonalità di colore, che si rifletteranno sugli arredi, ricreando un concerto di sfumature ad effetto arcobaleno.

Il collage è una tecnica che dà possibilità infinite! Lo si può effettuare ovunque, in esterno per bordi piscina, contorni aiuole, vialetti, ma anche per pavimentazioni interne di camere da letto o salotti. L'eleganza, la raffinatezza, l'originalità e la semplicità saranno dovute esclusivamente alla sapiente assonanza dei colori.

 

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

Il sottotetto: un ambiente da rivalutare

Share

sotto

Molto spesso non si dà alcun valore al sottotetto presente in un'abitazione.

Questo perchè il più delle volte viene usato come soffitta e conseguentemente continuiamo a presentarlo come tale, senza pensare di farlo valutare da un esperto. Infatti, nel caso avesse i requisiti adatti, questo locale può trasformarsi completamente in un ambiente accogliente ed offrire più di quanto si possa pensare.
Questa importante informazione, poi, deve essere inserita anche nell'annuncio, dal momento che il termine "sottotetto" nell'immaginario collettivo è inteso all'uso di ripostiglio.

Un tempo, infatti, indipendentemente dalle misure, lo si definiva "solaio" e gli si attribuiva la mansione di protezione dei bauli colmi di ricordi.

Il sottotetto può diventare abitabile se lo si trasforma in mansarda, rispettando le leggi regionali, che considerano soprattutto le altezze e la luminosità.
Per le misure ogni regione ha stabilito un minimo di altezza media ponderale, che è una media tra le differenti altezze del soffitto costituito dal tetto.
Per l'aria e la luce occorre attenersi alle misure di superficie di ogni finestra, abbaino o lucernario, rispetto alla superficie del pavimento.

In alcune regioni è possibile alzare il tetto, in altre non è previsto. Questo intervento verrà considerato come sopraelevazione, in quanto aumenta la volumetria e dovrà essere conforme all'architettura dell'edificio.

Trasformare il sottotetto in mansarda conviene, in quanto potremo disporre di un locale in più, adibito a stanza per gli ospiti, a studio, a palestra, a laboratorio hobbistico, qualsiasi sia la finalità donerà valore, comodità, funzionalità. Nel caso poi di una metratura sostenuta, potremo usufruire addirittura di un minialloggio, a seconda della suddivisione interna che si deciderà di esprimere.

L'immobile acquisirà un valore nettamente superiore, anche grazie al fatto che, a seconda della posizione, potremmo ottenere la virtù della vista panoramica.

Fino a dicembre di quest'anno, se si decide per un rinnovo o un rifacimento, si può usufruire di un bonus per la detrazione fiscale del 50%, previsto dalla legge di stabilità.
Qualora la ristrutturazione riguardasse anche interventi mirati al risparmio energetico, come isolamento termico, pannelli solari ecc. la detrazione arriva fino al 65%, senza ulteriori proroghe. A gennaio del prossimo anno, si tornerà alla vecchia aliquota del 36%.

Per tutto ciò che serve sapere, sarà opportuno rivolgersi alle figure preposte, prima tra tutte, il progettista, che oltre a realizzare il prospetto, verificherà che esistano i requisiti necessari per poter procedere all'intervento. Si occuperà, poi, della parte burocratica.

Il privato, che volesse vendere un immobile con sottotetto, dovrebbe essere consigliato a valutarne la ristrutturazione. Essa dovrà essere pianificata, tenendo conto del fattore principale, il giusto posizionamento degli infissi.

La luce e la ventilazione naturali in una mansarda sono importantissime. 

Le finestre più alte dovranno rendersi comunque agevoli. La miglior soluzione per le finestre sono quelle ad apertura elettrica, ma occorre tener conto di posizionare quelle possibili ad altezza di sguardo, per non privare della vista. Anche tende parasole o tapparelle diventano indispensabili per attenuare l'estrema esposizione al sole. Considerando tali accorgimenti, ritenuti di importanza rilevante in una mansarda, 'incremento del valore diventa notevole. Si passa infatti da un costo che si aggira intorno alle 2.000 euro al mq del sottotetto, alle 3.300 della mansarda, come media in Italia.

Il sottotetto è un tema molto ponderato quando si compra un immobile. Ecco perchè l'intervento di un Home Stager diventa fondamentale, in quanto va a risolvere le tante problematiche che potrebbero sorgere e l'unico "compito" dell'eventuale acquirente sarà solamente quello di decidere oppure no per l'acquisto.

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

La Collage House di Mumbai

Share

Casa Collage e Home Staging

Ad ispirare gli architetti dello studio S+SP Architets nella progettazione della casa collage di Mumbai è stato proprio l'ambiente circostante. L'ispirazione è arrivata proprio dall'osservazione della moltitudine di fabbricati modesti, costruiti ingegnosamente con materiale riciclato, che contraddistingue i quartieri poveri della città più popolosa dell'India.

Nasce così la Collage House, un perfetto esempio di "architettura del riciclo".

Gli elementi singoli, che solitamente servono per accedere alle stanze o per arieggiarle, dismessi per deterioramento o per demolizione delle case, vengono qui recuperati e riposizionati nella nuova costruzione.

Ecco dove si concretizzano creatività e fantasia: porte e finestre non svolgono più soltanto il loro naturale compito, bensì compongono le pareti sostituendo il mattone.

E' possibile davvero fare tutto, quando facciamo del nostro estro il nostro personale suggeritore.

L'usanza perde spesso il suo significato e il tempo rinnova.
Occorre uscire dagli schemi, sbarazzarci delle convinzioni che ci tengono prigionieri, nella credenza di ciò che conosciamo per funzionale.
La certezza che possa essere adeguato soltanto ciò che abbiamo visto in passato deve essere smantellata, dobbiamo metterci in gioco alla riscoperta dell'innovazione, risvegliare in noi la capacità di vedere oltre l'abitudine, oltre il consueto. La spinta a provare nuovi materiali, nuovi accostamenti, nuove formule, porta infine alla creazione di opere esordienti, moderne e particolari.

Vista dall'esterno, questa casa davvero originale, si esprime su tre livelli in cima ad una collina con vista su Mumbai. E' un collage di porte e finestre, alcune posizionate in orizzontale, mentre altre verticalmente, ed ottemperano anche alla loro normale mansione, che appare quasi un optional.

La costruzione si svolge intorno ad un cortile con praticello e piante verdi. Gli fanno da corredo piastrelle colorate, scaglie di pietra e una parete rivestita di tubi metallici, che raffigurano un decorativo accostamento di canne di bambù.
Un balcone in vetro blu contrasta sulla facciata tra le porte in tinta naturale, sul tetto alloggiano pannelli solari. Una cisterna della capienza di 50mila litri raccoglie l'acqua piovana, una piscina coperta trionfa visibilmente sul lato sinistro dell'entrata e sulla terrazza un piccolo padiglione in vetro è sorretto da antiche colonne, il tutto apparteneva ad una casa centenaria che fu demolita.

Un ascensore interno, chiuso solo da una rete decorativa, porta dal parcheggio ai locali superiori.

L'eclettico soggiorno è uno stravagante patchwork di forme e materiali. Le porte visibili dall'esterno si aprono ad arieggiare la stanza, fungendo da bizzarre finestre, che si confondono tra vetri fissi e finestre vere.

Il soffitto in cemento a vista e il pavimento in marmo con intarsi in ottone dovrebbero lottare per incompatibilità di carattere e creano invece un piacevole cromatismo.

Camere da letto e bagni presentano soffitti in cemento o vecchie travi in teak. Il teak è anche spesso usato per i pavimenti, che, in alcune stanze, invece, sono chiari e lucenti e rispecchiano l'esterno che traspare dai vetri. Un gioco che si insinua tra ruvido e trasparenze per scivolare gradevolmente tra zone levigate e morbide.

Lo sguardo si sorprende ovunque vada a poggiare e si riscopre deliziato nell'incontro con l'angolo meditazione, caratterizzato da una parete tonda in vetro e dall'energia tipica dei luoghi di preghiera indiani.

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

Il marmo e l'Home Staging

Share

marmo-Home-Staging 300Il marmo è una roccia che nel tempo ha subìto un processo di metamorfosi da altri tipi di rocce, come il calcare.

Composta prevalentemente da carbonato di calcio, il suo colore dipende dalla presenza, più o meno grave, di inquinamenti minerali, come sabbia, limo ed argilla. Il marmo bianco ne è privo.

Diverso dal marmo è il granito: una roccia proveniente da magmi, composta prevalentemente da quarzo.

Diverse tipologie di lavorazione rendono possibile l'applicazione del marmo con impieghi in esterni ed interni, alcune sono:

  • la levigatura, che dona al marmo un aspetto satinato;
  • la spazzolatura, che lo rende anticato;
  • la rullatura, che lo marca con leggere scanalature, adatto a pavimentazioni esterne perché diventa antiscivolo;
  • la spuntatura, per mezzo della quale si possono imprimere sulla lastra disegni o semplici decori, il risultato è d'insolita eleganza.

Molti poi sono i trattamenti a finalità protettiva, così da rendere le superfici durevoli nel tempo.

Tra i marmi utilizzati in esterno si può spaziare tra il Grigio carnico, il Salomè, il Bardiglio, solitamente utilizzati per scale, davanzali, pavimentazioni.

Il Botticino, uno tra i più pregiati da esterno, è utilizzato anche per sculture, fontane, corrimano e balaustre. Questo marmo è stato impegnato per la costruzione della Statua della Libertà e per molte opere all'interno della Casa Bianca.

Per gli interni una vasta gamma ci lascia solo l'imbarazzo della scelta.

Pietra dorata, Travertino, Giallo d'Oriente, per piani da cucina, tavoli, camini, pavimenti.

L'Onice verde, il Nero Guinea, il Sahara noir, il Daino reale, il Marron Emperador, tutti importanti, danno particolare risalto a tavoli, colonne, bagni, pavimentazioni di stile in tantissime tonalità diverse.

I marmi si prestano anche a lavorazioni artigianali altamente specializzate. Per esempio possono essere combinati con altri materiali come legno, ferro, bronzo ed è così che prendono vita opere d'arte come mosaici, archi, portali, arredi religiosi (altari, fonti battesimali) ed eleganti complementi per yacht.

Il granito è da consigliare più specificatamente per i piani da lavoro delle cucine, perché più duro e resistente in assoluto, ma anche per bagni. Può essere impiegato, infatti, per lavelli, vasche, piatti doccia, pavimenti e rivestimenti, in quando essendo sottoposto a levigatura diventa una pietra lucida e riflettente come uno specchio.

Le pietre sono sempre più utilizzate e consigliate da architetti e progettisti, ora anche nei centri commerciali e in sedi pubbliche, perché hanno un'impronta di pulizia e lucentezza, sono longeve e di straordinaria bellezza.

Il mercato offre anche dei materiali similmarmo che ovviamente sono meno costosi e comunque durevoli, e sono ad esempio

  • la Serpentinite: una pietra naturale di altro genere che varia su tutte le tonalità del verde;
  • il marmo sintetico, che si ottiene da polvere di marmo e resina ricoprendolo con una pellicola: riproduce fedelmente la pietra naturale, si trova anch'esso in vari colori ed è molto resistente al tempo e alle macchie.

Diverse utilità, diverse caratteristiche, diversi risultati, molte possibilità di scelta, d'uso e di spesa.

Infinite modalità di accostamenti, rivestimenti e rifiniture ci vengono elencate nei vari cataloghi, quello più rilevante è della "Marmi Carrara", famoso marchio di levatura mondiale.

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

I primi Home Stager Professionisti Certificati HSP©

Share

Con orgoglio siamo lieti di presentare  i primi 5 Home Stager Professionisti Certificati HSP© di questo nuovo anno di formazione professionale.

Hanno conseguito la qualifica dopo aver brillantemente superato gli esami di certificazione, a completamento del percorso di formazione professionale per diventare Home Stager Professionisti Certificati HSP©.
Tale percorso di formazione rivolto al mondo dell'Home Staging comprende la partecipazione attiva ai 2 corsi di formazione, che sono

  1. Diventare Home Stager Qualificato (CLICCA QUI per leggere il programma del corso )
  2. Marketing, Comunicazione e Vendita dell'Home Staging (CLICCA QUI per leggere il programma del corso)

ed il successivo superamento dei rispettivi esami di fine corso, indispensabili per conseguire il titolo di Home Stager Professionisti Certificati HSP©

Tale certificazione permette oltre all'accreditamento all'interno del circuito HSP© come Home Stager Professionista Certificato, anche di accedere ad una piattaforma e-learning per l'aggiornamento professionale costante.

Questa certificazione è oggi il più importante riconoscimento professionale nel mondo dell'Home Staging in Italia e come inizio di questo nuovo anno di formazione abbiamo voluto vestirla di una nuova veste grafica.

Ed ora è giunto il momento delle presentazioni :-)!

Certificazione HSPCTe li presentiamo, rigorosamente in ordine alfabetico,

- ANDREACCHIO SILVIA

- CARRARA STEFANIA

- GABUS OPHÉLIE

- MAURI ALESSANDRO

- ROSSI ELISABETTA

A voi TUTTI auguriamo progetti di Home Staging, che vi colmino di soddisfazioni professionali e personali e di conservare sempre forte la passione per l'Home Staging, che vi contraddistingue e vi sosterrà a raggiungere traguardi ambiziosi e meritevoli.

Buon Home Staging a Tutti!

Sergio, Stefano e Laura
HOME STAGING SCHOOL©

Rivestimenti effetto Legno

Share

efflegno

Gli appassionati del legno vorrebbero rivestire tutta la loro casa con questo materiale, vorrebbero impacchettare pareti e pavimenti di perline, ovunque si possa poggiare lo sguardo, avete presente?

Ma se si esagera nelle messe in posa, il legno può risultare un tantino pesante, pur trattandosi di un elemento importante e bellissimo.

Così il legno è stato accettato dai più per il rivestimento della biblioteca, della tavernetta e per alcuni pavimenti. Infatti, oggi, in commercio si trovano parquet in differenti essenze lignee, veri e propri gioielli di design, alcuni dei quali hanno bisogno di un occhio di riguardo per il mantenimento, perché delicati e sensibili.

In commercio si trovano materiali che lo imitano alla perfezione, hanno un input più leggero, sono di più facile pulizia, si trovano in molte texture e alcuni non sono neppure carissimi.

I materiali più conosciuti ed usati ad effetto legno sono

- il Gres porcellanato: una ceramica a pasta compatta di eccezionale resistenza, ottenuta da impasti di argille e minerali, cotti ad elevate temperature. 

- i Laminati: materiali composti da quattro strati, il primo più esterno trasparente e impermeabile, un secondo che contiene la fotografia del legno che si vuole simulare, un terzo antiumidità in HDF ed un quarto stabilizzante che ne permette lasolidità.

Il Gres può riprodurre una vasta gamma di legni, quali rovere, larice, ciliegio, noce, oppure, come propone l'azienda "14 ora italiana", una serie di decori che ricreano i nodi del legno, in una carrellata di fantasia artistica, su piastrelle da rivestimento e da pavimento, in tinta naturale o colorate, adatte anche all'esterno, perché godono di diversi punti di forza, estetica, impermeabilità, resistenza agli urti e ai cambiamenti di temperatura.

Questo materiale si posa a colla e può essere usato per rivestire pannelli, pareti, gradini, pavimenti interni o esterni. Esiste anche in formato più spesso, adatto alla posa su erba per percorsi in aree aperte. Si adatta a qualsiasi tipologia d'arredamento, soprattutto se in texture naturali. Il costo è notevolmente più basso del legno, inoltre essendo adatto ad ogni tipo di ambiente permette di continuare la stessa pavimentazione in tutti i locali uniformando gli spazi, particolarità davvero d'effetto.

Attenzione alla qualità del Gres, durante le varie lavorazioni e rifiniture capita a volte che si creino dei pori sulla superficie, questo lo rende meno refrattario alle macchie.

Il laminato è superiore al legno in durezza, non teme graffi, urti o abrasioni, ce ne sono di più pregiati e di qualità inferiore, ma simula qualsiasi tipo di legno, anch'esso naturale o colorato. La posa è estremamente facilitata dal semplice sistema a click: una speciale bordura che permette l'incastro delle doghe l'una all'altra, così da poter essere montate e rismontate più volte.

Esistono anche pavimentazioni in laminati flottanti, così definiti perché installati su materassini fonoassorbenti per attutire il rumore prodotto dal calpestio, a questo proposito la "Prati Group", nella sua Divisione Lithos, presenta la linea "Silenzio System", che espone ogni doga già dotata del proprio materassino sul retro, rendendole immediatamente pronte per l'installazione.

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©