facebook      pinterest  email       informazioni

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Accetto le condizioni
      e i termini di Privacy

Blog della scuola 

Art Decò e Home Staging

Share

art decò

Art Decò: dopo quasi un secolo se ne riparla.

L'Art Decò vide la luce intorno al 1920 fino al 1940/45. Vent'anni durante i quali fece scalpore con opere di vario genere, tutt'oggi presenti e ricordate.

Si presentò, e lo fece anche con un certo impeto, attraverso tante espressioni artistiche: l'interior design, la moda, l'architettura, le arti visive. In particolare, nell' interior design si manifestò con mobili caratteristici che tutt'oggi possono tornare utili ad un Home Stager, che desidera arredare una casa con uno stile davvero particolare.

Il nome Art Decò deriva dall'abbreviazione del titolo di una mostra parigina, inaugurata nel 1925, denominata "Exposition Internationale des Arts Décoratifs et Industriels Modernes" vale a dire "Esposizione Internazionale delle Arti Decorative e Industriali Moderne" e, all'epoca, fece un così gran scalpore da assumere anche il nome di "Stile 1925".

Fece scalpore perché era un'arte diversa, come non se n'erano mai viste: pregiata, raffinata e riportava tutto il buon gusto francese, che palesava una signorilità davvero mai assaporata prima.

I materiali utilizzati per realizzarla erano originali e di alta qualità, come l'avorio, l'ebano, l'ottone, il rame, le superfici laccate, le pelli di squalo o di zebra, mai usate fino a quel momento, e tessuti di gran valore, assemblati in un geometrismo senza precedenti, in grado di creare scenari unici e che spesso causavano persino soggezione.

Uno stile capace di passare dalla sontuosità severa, che quasi sminuiva ciò che le era circostante, ma affascinava, alla delicatezza armoniosa dalle forme "femminili" e leggere.

Scacchi, quadri, curve poco sinuose, un'arte decisa e prorompente capace di dire la sua come nella musica ha fatto il Jazz.

Forse fu proprio questo suo modo di parlare al pubblico, così presente, così a volte spocchioso, da essere presto messa in un angolo, con la scusa che voleva semplicemente imitare un falso lusso, inesistente in realtà. Perdendo il mordente, venne completamente cancellata dalla Seconda Guerra Mondiale e di lei rimasero le opere ma non se ne parlò più.

Oggi però, c'è chi desidera rivivere quell'epoca e far rivivere l'Art Decò, che l'ha segnata.

Gli anni in cui si ricercava il bello, tra l'esistere di due grandi battaglie, gli anni in cui le donne videro fiorire la loro personalità, dove il sobrio diventa sinonimo di eleganza e la bellezza quasi scultorea. Gli anni di una nuova economia, la voglia di ottimismo e dinamicità, gli anni delle domande alle quali era difficile dare una risposta. Dove talvolta si desiderava esagerare.

Anni che stanno tornando, perché la casa non dev'essere banale e l'arredamento deve saper stupire. E' in questi casi che l'Art Decò può essere, anzi deve essere, presente con tutto il suo carattere, i suoi colori, le sue particolari forme. Il suo riuscire ad esprimersi attraverso complementi d'arredo e un design unico nel suo genere.

Gian Maria Brega

 

Se il mondo dell'Home Staging ti affascina, allora traduci questa tua passione in professione e realizza il sogno di fare un lavoro che ti piace.

>> CLICCA QUI e diventa anche Tu un Home Stager Qualificato HSP©

Aggiungi commento


Security code
Refresh